:: NOTE LEGALI

Il sito dell'Ordine degli Avvocati di Imperia è ospitato sul server Aruba di Aruba S.p.a. (www.aruba.it).
Responsabile del sito è il Presidente dell'Ordine.
L'aggiornamento del sito non avviene con periodicità regolare. Ultima modifica: .
I contenuti sono offerti nell'esercizio di attività non economica e non in concorrenza con radio e televisione. I collegamenti a siti esterni sono forniti senza assunzione di responsabilità su esattezza, completezza e correttezza degli stessi e delle informazioni richiamate.
Altre informazioni: licenze - info privacy - accessibilità - sportello per il cittadino

:: AREE RISERVATE

Sfera - P.s.t. giustizia.it
Aruba pec - Lextel pec

:: RICERCA (con Google)

:: ORDINE

Regolamento C.O.A. per lo svolgimento della pratica forense

1. Il praticante deve frequentare lo studio del dominus assiduamente e svolgere la pratica con impegno e diligenza.
2. Il praticante ha il dovere della riservatezza e, se svolge attività lavorativa, deve rendere nota al Consiglio dell'Ordine questa sua qualità.
3. In particolare deve annotare sul libretto di pratica le udienze alle quali ha assistito, escluse quelle di mero rinvio, indicando il nome delle parti e il numero di ruolo e deve provvedere a far constatare nel verbale di udienza la propria presenza. Nel caso in cui assista ad un numero di udienze inferiori alle venti (1. e 2. semestre) o venticinque (3. e 4. semestre) richieste, non potrà ottenere il riconoscimento del semestre ai fini della pratica.
4. Il praticante deve riferire di almeno cinque atti a semestre ed indicare sul libretto della pratica gli atti, il loro oggetto e le attività stragiudiziali alle quali ha preso parte nonchè le questioni giuridiche di maggior interesse alla cui trattazione abbia assistito o collaborato.
5. Il praticante deve depositare il libretto di pratica entro 10 giorni dalla scadenza di ognuno dei quattro semestri con l'annotazione del dominus attestante la veridicità delle annotazioni.
6. Il praticante deve allegare al libretto autocertificazione dalla quale risultino le udienze alle quali ha presenziato. Il Consiglio dell'Ordine potrà sempre richiedere la produzione di uno o più verbali.
7. Il praticante al termine del primo anno di pratica deve sostenere un colloquio con il Consiglio dell'Ordine sulle questioni giuridiche trattate nel corso del primo anno di pratica e sulla deontologia.
8. Il praticante che, con il consenso e sotto la responsabilità del dominus, intenda partecipare per periodi limitati a corsi di approfondimento in altri Stati o svolgere una parte limitata della pratica presso studi di avvocati comunitari o extracomunitari, dovrà chiedere il previo assenso del Consiglio dell'Ordine ed attenersi alle modalità indicate dal Consiglio caso per caso.
9. Il praticante, al termine di ogni anno, deve depositare presso la segreteria del Consiglio il libretto della pratica accompagnato da una relazione, controfirmata dal dominus, nella quale devono essere indicate le attività ed i problemi, anche di natura deontologica, affrontati. Nel caso abbia frequentato scuola forense è opportuno che alleghi anche copia dell'attestato di frequenza.
10. Il praticante, abilitato al patrocinio che al termine del primo anno di tirocinio, intenda proseguire la pratica al di fuori dello studio del dominus, deve comunicare il proprio intendimento al Consiglio, tenere e compilare il libretto della pratica, trattare almeno venticinque nuovi procedimenti all'anno di cui almeno cinque penali quale difensore di fiducia oppure cinque cause civili di cognizione.
11. Il praticante abilitato al patrocinio che ha fatto la pratica al di fuori dello studio del dominus deve tenere e compilare il libretto della pratica con le annotazioni relative all'attività svolta e produrre fotocopia dei verbali delle udienze alle quali ha partecipato quale difensore fornendo documentazione idonea a comprovare che si tratta di nuove cause.
12. Il praticante abilitato al patrocinio che ha frequentatola pratica al di fuori dello studio deve depositare il libretto della pratica al Consiglio dell'Ordine al termine di ogni semestre ed entro dieci giorni.
13. Il praticante abilitato al patrocinio che ha svolto la pratica al di fuori dello studio deve depositare, alla fine dell'anno, il libretto di pratica accompagnato da una relazione nella quale devono essere illustrate le attività indicate nel libretto e i problemi di natura deontologica affrontati.